Movimento Apostolico Ciechi

Il Movimento Apostolico Ciechi - M.A.C - è un’associazione di laici, ciechi e vedenti, fondata nel 1928 a Milano, per iniziativa di Maria Motta, insegnante non vedente, la quale avvertì l’esigenza di superare la situazione di emarginazione dei non vedenti e di promuoverne la partecipazione attiva alla vita della Chiesa. Il MAC è riconosciuto dallo Stato Italiano e dalla Conferenza Episcopale Italiana. E' un'organizzazione non governativa ed è anche considerata ONLUS. L’Associazione è ora diffusa in tutta Italia con Gruppi diocesani e coordinamenti regionali. Presbiteri nominati dai Vescovi assistono i Gruppi, le Consulte e gli organi nazionali ed hanno la responsabilità pastorale del MAC.

Gli elementi fondamentali del carisma del MAC sono:

  • un cammino di amicizia tra ciechi e vedenti;
  • un'esperienza di fede in Cristo Risorto;
  • un servizio ai ciechi più emarginati in Italia e nel Terzo Mondo.

Il MAC si è costituito per un servizio all'uomo, ispirato alla Parola di Dio e all'insegnamento della Chiesa, e per l'apostolato e l'educazione alla fede cristiana.

Il carisma del MAC si traduce nella "condivisione", che è frutto della solidarietà nella reciprocità. Un condividere che non è dare, ma darsi; un condividere che è porsi l'uno accanto all'altro, un camminare insieme.

Il MAC promuove la formazione cristiana dei soci affinché, in ascolto della Parola di Dio e guidati dal Magistero della Chiesa:

  • realizzino relazioni di reciprocità e di fraterna comunione e siano fermento per una comunità civile ed ecclesiale aperta alle differenze;
  • sviluppino un confronto responsabile con la cecità e siano disponibili alla missione e al servizio per una testimonianza cristiana autentica;
  • si pongano a servizio di quanti, in Italia e nel Mondo, a motivo della minorazione, si trovano in situazione di svantaggio;
  • si impegnino affinché sia favorita la cooperazione tra i popoli e si realizzi uno sviluppo solidale e un'equa distribuzione della ricchezza, per una migliore qualità della vita dei non vedenti dei Paesi poveri del Mondo.

Avendo come obiettivo l’educazione al servizio, il MAC ha inteso darsi tre aree di impegno:

  1. l’ambito ecclesiale per la Pastorale e Catechesi della persona con handicap e la Pastorale della famiglia;
  2. l’ambito sociale per l’integrazione scolastica, i pluriminorati e gli anziani;
  3. l’ambito della cooperazione tra i popoli per i progetti di sviluppo e l’educazione alla mondialità.

Il MAC collabora con oltre 500 centri missionari sparsi in 50 paesi dell’Asia, dell’Africa, dell’America Latina e dell’Oceania.

Nel MAC i giovani realizzano attività secondo modi propri dell’età giovanile, organizzando incontri formativi e di spiritualità, campi scuola e convegni per gli associati di età compresa tra i 18 e i 30 anni.

Il Gruppo di Pistoia si è costituito nel 1991 ed ha la propria sede presso la parrocchia delle Casermette. Organizza incontri mensili di catechesi con l’assistente spirituale (attualmente è mons. Cesare Tognelli), giornate missionarie diocesane annuali e raccolta di occhiali usati.